Medicina e chirurgia rigenerativa: intervista al Dott. Melandri

Il Dott. Davide Melandri, medico chirurgo, specialista in Dermatologia e Chirurgia plastica, è direttore del Centro Grandi Ustionati della AUSL Romagna e delle Dermatologie di Cesena e di Forlì. È inoltre coordinatore della rete vulnologica della Romagna e  direttore del Programma Aziendale di Medicina Rigenerativa.

Il Dott. Melandri interverrà durante il convegno EUBS nella giornata del 15 settembre, all’interno della sessione dedicata al  “ECHM Workshop” con l’intervento “Regenerative Medicine in Wound Healing”

Dott. Melandri, su quali settori e problemi specifici è focalizzata la sua attività?

La mia attività è focalizzata principalmente negli ambiti del trattamento delle ustioni, della dermatologia e della chirurgia plastica relativi alle ferite e alle perdite di sostanza della cute e dei tessuti molli acute e croniche di origine traumatica e non traumatica (es.: ulcere) e al loro trattamento non solo con chirurgia tradizionale ma anche con i nuovi approcci della medicina rigenerativa e della chirurgia induttiva.

Un altro settore molto sviluppato è quello della chirurgia oncologica cutanea anche di maggiore complessità con particolare riferimento al melanoma e ai carcinomi.

Su che cosa verterà il suo intervento al Convegno EUBS?

L’intervento al Convegno EUBS sarà l’occasione per presentare lo stato dell’arte e l’esperienza del nostro gruppo nel settore della medicina e della chirurgia rigenerativa o induttiva non solo in campo dermatologico e chirurgico plastico ma anche in molte altre branche specialistiche

Secondo lei, quali sono i tre fattori che stanno maggiormente influenzando e cambiando il settore di cui si occupa?

Tra i fattori di maggior impatto nel settore di cui mi occupo metterei lo sviluppo di matrici dermiche decellularizzate, le terapie con i fattori di crescita e l’impatto trasversale della medicina rigenerativa

 

Ringraziamo il Dott. Melandri per la sua collaborazione e disponibilità, arrivederci a EUBS 2017!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Antispam *